venerdì, Aprile 12, 2024

 

Notiziario di

Dieci priorità per il nuovo piano d’azione europeo per il biologico – IFOAM UE

UN NUOVO PIANO D’AZIONE EUROPEO PER IL BIOLOGICO , PER RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO DEL 25% DEI TERRENI AGRICOLI BIO ENTRO IL 2030 a livello Europeo.

Il movimento biologico europeo riunito nell’IFOAM UE indica le dieci priorità chiave per promuovere sia la domanda che la produzione biologica attraverso il piano d’azione europeo per l’agricoltura biologica. È necessaria una combinazione coerente di misure push and pull per raggiungere l’obiettivo del 25% di terreni biologici nell’UE entro il 2030, come proposto nelle strategie dell’UE “Dal produttore al consumatore” e “Biodiversità”. Va sottolineato che le organizzazioni del Biologico italiane (AIAB e Federbio, a cui si aggiunge Bioagricoop) fissano l’obiettivo per l’Italia al 30% entro il 2027, partendo il nostro paese già da più del 16% delle superfici coltivate col metodo biologico.

Di seguito le dieci priorità indicate da IFOAM UE.

Organizzare una conferenza ad alto livello dell’UE per monitorare i progressi a tutti i livelli e incoraggiare gli Stati membri a sviluppare piani d’azione biologici nazionali e regionali

Le azioni a livello dell’UE, nazionale e regionale dovrebbero essere affrontate nel piano d’azione dell’UE, in quanto sono tutte fondamentali per raggiungere l’obiettivo del 25% per i terreni biologici. I progressi dovrebbero essere monitorati periodicamente.

Come? La Commissione dovrebbe includere un meccanismo di valutazione per esaminare i progressi compiuti sulle diverse iniziative del piano d’azione del biologico, sotto forma di una conferenza biennale che riunisca le autorità a livello europeo, nazionale e regionale. Offrirebbe l’opportunità di garantire la titolarità del Piano d’Azione Europeo (PAE) da parte delle autorità pubbliche e delle parti interessate al Biologico, progressi costanti verso l’obiettivo del 25%, visibilità sui risultati e scambio delle migliori pratiche.

Costruire la capacità delle ONG biologiche nazionali per lo sviluppo del mercato

Le associazioni biologiche nazionali e regionali, comprese le organizzazioni di agricoltori biologici, dovrebbero disporre dei mezzi per negoziare e collaborare con gli operatori del mercato per garantire una maggiore quota di prodotti biologici negli scaffali dei supermercati e per costruire un ecosistema commerciale e politico positivo all’interno del quale il settore biologico possa prosperare, nel rispetto del principio di equità.

Come?       Ciò si potrà ottenere stanziando fondi per progetti che consentano la condivisione delle migliori pratiche, programmi di formazione, strutturazione delle catene di approvvigionamento, partenariati con governi, vendita al dettaglio, aziende di trasformazione e leader dei servizi di ristorazione, contribuendo a una maggiore consapevolezza dei consumatori e al rafforzamento delle capacità delle organizzazioni interprofessionali e delle associazioni biologiche nazionali e regionali.

Aumentare la domanda di prodotti biologici

Migliorare l’adozione e l’uso delle linee guida dell’UE sugli appalti pubblici verdi in modo che almeno il 60% degli alimenti nelle mense pubbliche sia biologico entro il 2030 e stanziare un bilancio adeguato per la promozione dei prodotti biologici.

Come?         Aprire un dialogo con gli Stati membri e le autorità regionali e locali per discutere un obiettivo obbligatorio per i prodotti biologici nel GPP (Green Public Procurement o Appalti Verdi). Tutte le scuole, gli asili e le mense pubbliche dell’UE hanno bisogno di un approvvigionamento alimentare obbligatorio, progressivo e sostenibile con almeno il 20% di prodotti biologici entro il 2022, che aumenterà ogni anno per raggiungere il 60% entro il 2030. Le politiche di promozione di cui al regolamento (UE) n. 1144/2014 dovrebbero includere un bilancio annuale circossegnato per i prodotti biologici.

Considerare il vero costo del cibo nel suo prezzo

Internalizzare le esternalità e sostenere il principio “chi inquina paga” nell’agricoltura e nella produzione alimentare.

Come?              Introdurre un’IVA ridotta per i prodotti biologici e introdurre una tassa per i pesticidi. Utilizzare il reddito generato da quest’ultima politica per finanziare lo sviluppo del settore biologico.  Inoltre, informare ulteriormente i consumatori sulle esternalità negative e positive legate alla produzione alimentare, sul logo biologico dell’UE e sui benefici della produzione biologica per l’ambiente e il benessere degli animali.

Dare agli attori Biologici l’accesso ai fondi per la ricerca e l’innovazione

Impegnarsi ad assicurare che il 25% del bilancio per la ricerca e l’innovazione (R&I) sia dedicato alla ricerca in agricoltura biologica sia in Horizon Europe che nei pertinenti programmi di R&I a livello nazionale. Poiché la ricerca produrrà risultati solo in 6-7 anni, gli investimenti in R&I nel biologico dovrebbero essere fatti ora e avere una priorità più alta per contribuire al progresso verso l’obiettivo prima del 2030.

Come?              Collegare la percentuale di finanziamento per la ricerca e l’innovazione nel biologico all’obiettivo della quota di terra. Un obiettivo del 25% di terra nell’UE significa che il 25% del bilancio dell’UE per la R&I dovrebbe essere segnato per l’innovazione organica.

Fornire agli agricoltori biologici conoscenze accessibili e disponibili: Farm Advisory Services

L’agricoltura biologica è ad alta intensità di conoscenza e gli agricoltori biologici, gli agricoltori che si convertono al biologico e ai trasformatori, i commercianti e i rivenditori che producono o vendono prodotti biologici devono avere un facile accesso alle conoscenze sulle pratiche e le regole biologiche.

Come?          Stabilire un budget dedicato e misure per garantire la disponibilità e la preparazione di consulenti biologici; dimostrare le migliori pratiche in agricoltura biologica; collaborare alla condivisione delle conoscenze e allo sviluppo del mercato, anche per i giovani agricoltori biologici. Sostenere una rete europea di servizi di consulenza biologica, fortemente integrata nei sistemi nazionali o regionali di conoscenza e innovazione agricola (AKIS) e nell’ambito dei piani strategici della PAC (articoli 13 e 72).

Dotare gli agricoltori biologici degli strumenti giusti: sostanze naturali

Tutti i fattori di produzione necessari, come le sostanze naturali per la protezione delle piante, dovrebbero essere disponibili in qualità e quantità organiche sufficienti per raggiungere l’obiettivo del 25%. Il biologico cerca di ridurre gli input esterni attraverso strategie preventive e utilizza sostanze naturali come prodotti fitosanitari solo quando necessario, ma il processo di registrazione dell’UE non è ben progettato per le sostanze naturali.

Come?            Garantire l’esezione di procedure adeguate, proporzionate e specifiche per valutare e autorizzare le sostanze naturali modificando la procedura di registrazione di cui al regolamento (CE) n. 1107/2009 dell’UE sui prodotti fitosanitari. Promuovere un’ulteriore armonizzazione dei risultati della gestione dei residui di pesticidi.

Dotare gli agricoltori biologici degli strumenti giusti: i semi

Le sementi dovrebbero inoltre essere disponibili in quantità biologica sufficiente per poter contribuire efficacemente all’obiettivo biologico del 25%. Sono necessari ulteriori sforzi per aumentare la produzione di sementi biologiche e lo sviluppo dell’allevamento biologico di piante.

Come?              Garantire una graduale eliminazione delle deroghe per le sementi a livello nazionale.

Garantire che i piani strategici della PAC includano obiettivi nazionali e un sostegno adeguato

Gli Stati membri dovrebbero definire piani strategici nazionali della PAC che contribuiscano agli obiettivi delle strategie “Dal produttore al consumatore” e “”Biodiversità” dell’UE, fissando obiettivi nazionali per i terreni biologici e introducendo misure di sostegno adeguate.

Come?              Gli Stati membri dovrebbero valutare il loro settore biologico e integrare una strategia di sostegno nell’elaborazione del loro piano strategico della PAC, compreso un obiettivo nazionale per i terreni biologici, che contribuisca equamente all’obiettivo dell’UE e consideri il punto di partenza di ciascuno Stato membro. Dovrebbero inoltre prevedere un bilancio adeguato per la riconversione e il mantenimento dell’agricoltura biologica, attraverso misure di sviluppo rurale (pilastro 2), regimi ecologici (pilastro 1) o una combinazione di entrambi. Per rendere la conversione al biologico attraente per gli agricoltori, l’agricoltura biologica dovrebbe avere un “vantaggio comparativo” nel bilancio dei piani strategici nazionali della PAC. Gli incentivi per la conversione e il mantenimento del biologico dovrebbero essere superiori a quelli che gli agricoltori potrebbero ottenere per misure meno ambiziose come la riduzione dei pesticidi. Dovrà essere considerato lo status di “verde per definizione” per l’agricoltura biologica, come nell’attuale PAC.

Portare le nuove generazioni verso il biologico

Dare priorità e facilitare il rinnovamento generazionale nell’agricoltura biologica

Come?         Aumentare l’accesso ai terreni agricoli biologici. Ad esempio, stabilendo un quadro giuridico e fiscale che incentivi il mantenimento dei terreni agricoli in biologico, specialmente quando gli agricoltori biologici vanno in pensione e trasferiscono le loro aziende agricole a un giovane agricoltore. Garantire che i giovani agricoltori che iniziano con il biologico non siano fermati dalla mancanza di finanziamenti dando loro la priorità per il “sostegno complementare al reddito per i giovani agricoltori” della PAC (articolo 27).

     


     

    Se desideri ricevere ulteriori informazioni, compila il seguente modulo:


    Aarticoli correlati

    resta informato

    iscriviti alla newsletter di informabio per rimanere aggiornato su agricoltura biologica, tecniche agronomiche, sostenibilità ambientale.

    Articoli recenti

    Prossimi appuntamenti

    Nessun evento trovato!