venerdì, Aprile 12, 2024

 

Notiziario di

Continua la crescita del bio: le motivazione della scelta del consumatore

Il Centro Studi del Nomisma ha di recente presentato i dati dell’Osservatorio SANA 2021.

Il quadro fornito attraverso l’analisi dei principali indicatori è stato quello di un settore che continua il trend positivo iniziato ormai da tempo.

In particolare, il 2020 si è chiuso con i totali nazionali che registrano + 100.000 ettari e + 1.088 operatori rispetto all’anno precedente, portando così il valore della superfici a 2.095.380 ettari complessivi e gli operatori a 81.731 unità.

Elemento di rilievo è l’incidenza della SAU biologica, che è passata dall’ 8,7% nel 2010 a 16,6% nel 2020.

Per quanto riguarda i consumi, le vendite alimentari bio nel mercato interno – considerando tutti i canali – hanno raggiunto 4,6 miliardi di euro nel 2021, registrando un aumento del +5% rispetto allo scorso anno e i consumi domestici rappresentano la porzione più importante del mercato, con un valore di oltre 3,8 miliardi di euro.

Un confronto tra l’andamento della spesa agroalimentare in generale e quella biologica permette di evidenziare una crescita diffusa dei comparti del bio, ad eccezione del fresco e del freddo che, nel 2021, subiscono una riduzione.

Più che positiva la performance dell’export bio del nostro Paese: nel 2021 le vendite di prodotti agroalimentari italiani bio sui mercati internazionali hanno raggiunto quota 2,9 miliardi di euro, con una crescita del +11% rispetto all’anno precedente.

Molto interessanti i dati relativi ai consumatori italiani di prodotti bio: quasi 9 famiglie su 10 hanno acquistato almeno una volta nell’ultimo anno un prodotto biologico e, in soli 9 anni, il numero di famiglie acquirenti è aumentato di circa 10 milioni. Inoltre in più della metà delle famiglie italiane (54%), cibo e bevande bio si consumano almeno una volta a settimana e per il 50% dei responsabili degli acquisti alimentari il biologico nel carrello rappresenta sempre la prima scelta, soprattutto per alcune categorie di prodotti come frutta, verdura e uova.

Le caratteristiche incentivanti all’acquisto di biologico da parte dei consumatori sono: etica, salute e sicurezza.

Cosa cercano i consumatori italiani nel prodotto biologico?

La citata indagine di Nomisma ha indicato che il consumatore italiano nei prodotti biologici cerca:

– garanzia sulla qualità e benefici per la salute (64%)

– curiosità (57%)

– tutela dell’ambiente con attenzione a ridurre gli sprechi ed alle produzioni eco friendly (42%)

Tra gli attributi più ricercati abbiamo:

– l’origine italiana degli ingredienti la provenienza locale chilometro 0

– la marca del supermercato il brand noto conosciuto

Motivi per l’acquisto ripetuto:

– Sono sicuri per la salute perché non contengono pesticidi e chimica di sintesi (25%)

– Sono rispettosi dell’ambiente, la tutela del suolo e della biodiversità

– Sono garanzia di sicura qualità del prodotto (13%)

– Hanno qualità nutrizionali differenti, con maggiore concentrazione di vitamine e minerali (11%)

– Rispettano il benessere degli animali (9%)

– Sostengono i piccoli agricoltori (9%)

– Per il loro gusto/sapore, sono più buoni (9%)

– altro (3%)

     


     

    Se desideri ricevere ulteriori informazioni, compila il seguente modulo:


    Aarticoli correlati

    resta informato

    iscriviti alla newsletter di informabio per rimanere aggiornato su agricoltura biologica, tecniche agronomiche, sostenibilità ambientale.

    Articoli recenti

    Prossimi appuntamenti

    Nessun evento trovato!